Blog Tour "Le Cronache di Alaster: Drago" | Recensione del primo volume della saga di Leonardo Tomer

Il grandissimo Blog Tour dedicato a "Le Cronache di Alaster: Drago" sta procedendo a gonfie vele e oggi è giunto il mio turno di darvi il mio giudizio su questo romanzo intriso di magia e draghi. Buona lettura! 
 

Titolo: "Le Cronache di Alaster: Drago"
Autore: Leonardo Tomer
Data di pubblicazione: 4 agosto 2020
Casa editrice: Albatros

Sono passati secoli dalla terrificante guerra contro il Vuoto. I Draghi hanno abbandonato i mortali a loro stessi e qualsiasi forma di magia spontanea sembra quasi scomparsa del tutto. Ciò che ne è rimasto sono dissapori tra le diverse razze: gli elfi si sono isolati nella loro foresta da tempo, e i nani, decimati da sanguinose guerre, restano rintanati nei loro domini. Gli umani e le mezze razze si sono spartiti il resto. E' in questo scenario che il destino di Alaster, un giovane mercenario, si intreccia con quelli del mezz'uomo Marcel e della Maga Myra durante la ricerca del preziosissimo Occhio del Drago, portandolo al risveglio di un antico potere sopito dentro di lui e alla sbalorditiva coscienza delle sue misteriose origini. Leonardo Tomer ci accompagna attraverso i luoghi incantati di Jordin, abitati da creature leggendarie, dove spesso i personaggi si troveranno coinvolti in duelli estremi.

Il mio giudizio sul romanzo 

Il primo volume di "Le Cronache di Alaster" si apre con l'introduzione al mondo creato da Leonardo. Scopriamo che la tranquillità di questa realtà, un tempo guidata dall'armonia grazie all'equilibrio mantenuto dai Draghi, è stata irrimediabilmente minata da sentimenti negativi, quali l'odio, l'invidia e l'avidità. Tutto questo a causa del Drago del Vuoto che, a differenza dei suoi simili, ha deciso di scatenare una guerra portando le diverse razze di questo mondo a scontrarsi violentemente. 

Nel libro, ci troviamo molti anni dopo questi avvenimenti, le razze si sono isolate e sono diffidenti verso chi non sia un loro simile e gli umani e le mezze razze, invece, sono quasi spariti del tutto. In questo scenario, seguiremo quindi le vicende del mezz'uomo Marcel, del giovane mercenario Alaster e della maga Myra, che si ritroveranno a formare un divertente gruppetto pronto a tutto pur di raggiungere il proprio obiettivo. I tre stringeranno un legame molto forte durante il loro cammino e arriveranno anche a sacrificare la propria vita, per cercare di salvare quella dei loro compagni. Come in ogni romanzo d'avventura che si rispetti infatti, in "Le Cronache di Alaster: Drago" affronteremo temi quali: l'avventura, l'amicizia, il sacrificio e la lealtà.

La storia narrata da Leonardo in questo primo volume è ovviamente molto introduttiva, soprattutto nella prima parte. Veniamo inseriti in un mondo tutto da scroprire e nella prima metà del romanzo l'azione è meno presente rispetto al finale. Se comunque il ritmo fino a circa la metà è abbastanza lento, nelle ultime cento pagine cambia radicalmente, catturando il lettore in maniera straordinaria. Quello che pensavamo essere il termine di un'avventura, si rivela infatti solamente l'inizio di qualcosa di molto più grande e i nemici che i nostri protagonisti si troveranno ad affrontare saranno molto più numerosi di quanto si aspettassero. 

Il linguaggio di Leonardo è semplice e scorrevole, ma diventa più preciso e particolareggiato nella descrizione dello stile di combattimento di Alaster, il nostro protagonista. Durante la narrazione infatti, assisteremo a una vera e propria lezione di scherma, tratteggiata dall'autore in maniera impeccabile, grazie alla sua esperienza nel campo. Questa a mio parere è una delle caratteristiche più interessanti del romanzo. E' raro infatti che uno stile di combattimento venga descritto così approfonditamente. 

I personaggi per il momento mi sono piaciuti. Chiaramente la caratterizzazione migliore è quella dei tre protagonisti, Marcel, Myra e Alaster che, attraverso i loro piccoli screzi e battibecchi, porteranno il sorriso sui volti dei lettori anche durante i momenti più concitati. Ovviamente la loro avventura è solo all'inizio e dovremo attendere le prossime pubblicazioni per comprendere a pieno il quadro generale di questa storia. Chi è il nemico misterioso che ha sfidato il regno? E riuscirà Alaster a controllare il suo antico potere?

In conclusione ho deciso di assegnare 4/5⭐ a questo primo volume della saga di "Le Cronache di Alaster", sperando di avere modo, in futuro, di leggere anche le prossime pubblicazioni. Ringrazio Leonardo Tomer (@le_cronache_di_alaster_drago) e Silvia Roccuzzo (@morganstr1200) per avermi dato l'opportunità di partecipare a questo splendido evento.
 
Qui sotto vi lascio il banner con tutte le date dell'evento:
 



Posta un commento

0 Commenti